• Sei in:
  • Home
  • Guida dello studente 20172018

GUIDA DELLO STUDENTE - a.a. 2017/2018

Perché studiare Lettere?Studenti_Guida.jpeg

Il Corso di Laurea offre agli studenti una preparazione di base nelle discipline letterarie, filologiche e linguistiche, essenziali nella formazione del laureato in Lettere. Accanto a queste, la presenza di discipline di altri ambiti (archeologico, artistico, filosofico, geografico, storico) permette agli studenti di integrare la preparazione in settori importanti a definire il profilo culturale del laureato. Gli obiettivi formativi sono diversamente articolati a seconda dei percorsi. Importanza primaria riveste la conoscenza filologica e storico-letteraria di testi antichi e moderni; altrettanto basilare è la comprensione delle strutture fondamentali del linguaggio e dei meccanismi della sua evoluzione, attraverso l'analisi sincronica e diacronica secondo i metodi della linguistica generale e storica. Le competenze acquisite dovranno essere situate in un ampio arco cronologico, dall'antichità all'età contemporanea, con riferimento alle componenti fondamentali della cultura europea (greco-romana, medievale, moderna) e con aperture verso quelle del Vicino Oriente e dell'Asia.

Nel quadro delle ulteriori attività formative gli studenti possono svolgere tirocini o stages presso enti pubblici o privati per acquisire competenze di tipo biblioteconomico, didattico, editoriale, pubblicistico e simili. Tali attività sono regolamentate da specifici accordi fra la Scuola e le strutture coinvolte.

Percorso formativo

Il Corso di laurea offre agli studenti una preparazione di base nelle discipline letterarie, filologiche e linguistiche, essenziali nella formazione del laureato in Lettere. Accanto a queste, la presenza di discipline di altri ambiti (archeologico, artistico, filosofico, geografico, storico) permette agli studenti di integrare la preparazione in settori ugualmente importanti a definire il profilo culturale del laureato.
Gli obiettivi formativi sono diversamente articolati a seconda dei percorsi. Importanza primaria riveste lo studio filologico e storico-letterario di testi antichi e moderni; altrettanto basilare è la comprensione delle strutture fondamentali del linguaggio e dei meccanismi della sua evoluzione, attraverso l'analisi sincronica e diacronica secondo i metodi della linguistica generale e storica. Le competenze acquisite rimandano a un ampio arco cronologico, dall'antichità all'età contemporanea, con riferimento alle componenti fondamentali della cultura europea (greco-romana, medievale, moderna) e con aperture verso quelle del Vicino Oriente e dell'Asia.
Nel quadro delle ulteriori attività formative gli studenti possono svolgere tirocinii presso enti pubblici o privati per acquisire competenze di tipo biblioteconomico, didattico, editoriale e simili. Tali attività sono regolamentate da specifici accordi fra la Scuola e le strutture coinvolte.
Il Corso di laurea in Lettere si articola in tre curricula:
Antico e medievale (distinto in tre indirizzi: Antico, Medievale e Vicino-Orientale);
Linguistico;
Moderno e contemporaneo

Sono previste propedeuticità obbligatorie. Il Corso di laurea in Lettere prevede infatti:
a) un percorso di studio propedeutico, che comprende attività formative di base e attività caratterizzanti, invariabile in tutti i curricula e da realizzarsi prevalentemente attraverso corsi di carattere istituzionale da 12 CFU;
b) una serie di percorsi di studio, definiti per i singoli curricula, che comprendono attività formative caratterizzanti e attività affini e integrative;
c) un gruppo di altre attività formative, comuni a tutti i curricula e comprendenti: attività a scelta dello studente (12 CFU); attività concernenti le lingue straniere (6 CFU); laboratori di scrittura e abilità informatiche finalizzati alla redazione della dissertazione di laurea, in alternativa ai tirocinii formativi (6 CFU); prova finale (12 CFU).

Gli esami del percorso di studio propedeutico (a) devono essere superati entro i primi due anni di corso (con eccezione degli esami di Geografia e di discipline storiche), come meglio specificato nel successivo comma 4. Gli esami dei percorsi di studio dei singoli curricula (b) possono essere sostenuti a partire dal 1° anno, nella misura prevista dai percorsi di studio, e poi nel 2° e 3° anno di corso.
Gli esami e l'assolvimento delle frequenze delle altre attività formative (c) possono essere sostenuti e soddisfatti sia nei primi due anni di corso sia nel terzo, secondo quanto disposto dai piani carriera dei singoli curricula.

Il percorso di studio propedeutico è definito come segue:

  • 1 esame di Letteratura latina o Storia della lingua latina o Lingua e traduzione latina o Latino di base annuale o biennale (L-FIL-LET/04; la scelta del corso non è a disposizione dello studente, ma dipende dall'esito della prova d'ingresso)
  • 1 esame di Letteratura italiana (L-FIL-LET/10)
  • 1 esame di Storia della lingua italiana (L-FIL-LET/12)
  • 1 esame di Fondamenti di linguistica (L-LIN/01)
  • 1 esame di Geografia (M-GGR/01)
  • 1 esame di discipline storiche: Storia greca (L-ANT/02) o Storia romana (L-ANT/03) o Storia medievale (M-STO/01) o Storia moderna (M-STO/02) o Storia contemporanea (M-STO/04)
  • 1 esame di discipline metodologiche: Filologia dei testi romanzi (L-FIL-LET/09) o Filologia germanica (L-FIL-LET/15) o Propedeutica alla filologia greca (L-FIL-LET/02) o Propedeutica alla filologia latina (L-FIL-LET/05)

Gli studenti sono tenuti a inserire nel piano carriera:

  • entro il 1° anno di corso 4 esami, per un totale di 48 CFU;
  • entro il 2° anno di corso i rimanenti esami, per un totale di 78 CFU.

Tutti gli esami del percorso di studio propedeutico possono comunque essere sostenuti entro il 1° anno; dopo il 2° anno, il mancato superamento dei primi quattro esami del percorso di studio propedeutico produrrà il blocco del piano carriera dello studente con conseguente impossibilità a sostenere gli esami del 3° anno. Non è consentito sostenere esami relativi a corsi, esterni al percorso propedeutico ma appartenenti ai s.s.¬d. inseriti in tale percorso, prima di quelli pertinenti al percorso stesso. I crediti relativi agli esami del percorso di studio propedeutico non possono essere conseguiti con corsi all'interno di un programma Erasmus.
La frequenza alle varie attività formative non è obbligatoria; i casi contrari sono esplicitamente indicati sulla pagina web dei singoli corsi

Come iscriversi

T.A.R.M. (Test di Accertamento dei Requisiti Minimi

Il Piano carriera on line

  • Ordinamento didattico
  • Regolamento didattico

Tutor

Curriculum antico e medievale, indirizzo antico: Edoardo Bona, Massimo Manca
Curriculum antico e medievale, indirizzo medievale: Walter Meliga, Anna Maria Taragna
Curriculum antico e medievale, indirizzo vicino oriente: Alessandro Mengozzi
Curriculum linguistico: Davide Ricca
Curriculum moderno e contemporaneo: Laura Nay
Curriculum moderno e contemporaneo, settore letteratura italiana: Sabrina Stroppa
Curriculum moderno e contemporaneo, settore linguistica italiana: Marinella Pregliasco

Calendario didattico

Insegnamenti

Orario delle lezioni

Sede del corso di laurea

Orario di ricevimento

Profili professionali

Addetto alla comunicazione orale e scritta
Funzione in un contesto di lavoro
Il laureato in Lettere è in grado di interpretare, produrre o preparare per la stampa testi di varia natura, corrispondendo con competenza e flessibilità alle esigenze di aziende, enti amministrativi, case editrici, redazioni, uffici stampa. L'eventuale attività di tirocinio presso tali strutture gli consente un primo avvicinamento a questo tipo di attività lavorativa.
Competenze associate alla funzione
Tramite l'analisi scientifica di testi che vanno dall'antichità all'epoca contemporanea, il laureato in Lettere riesce facilmente a padroneggiare le strategie di comunicazione, e a individuare i contenuti e i metodi più adatti per organizzare un lavoro di équipe e divulgare i risultati di ricerche specifiche.
Sbocchi occupazionali :Addetto ufficio stampa; segretario di redazione; revisore di testi; assistente di archivio e di biblioteca; addetto alla mediazione culturale nell'amministrazione pubblica.

Organizzatore di eventi culturali
Funzione in un contesto di lavoro
Il laureato in Lettere è in grado di contribuire all'organizzazione di eventi culturali di vario genere (convegni, manifestazioni e mostre legate ai manoscritti, ai libri a stampa e alla lettura), collaborando alle attività di enti pubblici e privati, biblioteche, fondazioni, musei, istituti culturali e scolastici presenti sul territorio. L'eventuale attività di tirocinio presso tali enti gli consente un primo avvicinamento a questo tipo di attività lavorativa.
Competenze associate alla funzione
Il laureato in Lettere, avendo maturato una conoscenza qualificata della cultura europea nelle sue espressioni storico-letterarie e filologico-linguistiche e nella sua stratificazione storica, può, direttamente o in collaborazione con équipes, progettare e condurre iniziative culturali riguardanti in modo specifico il libro e il sapere umanistico.
Sbocchi occupazionali: Organizzatore di convegni; organizzatore di manifestazioni culturali.

Contatti

Ultimo aggiornamento: 30/07/2018 11:44

Il corso in breve

Dipartimento di riferimento

Scuola di riferimento

Campusnet Unito
Non cliccare qui!